il peggio che M2 potesse concepire

Articoli con tag “scelta

conoScienza

Conoscere qualcuno non vuol dire saperne tutto, che alla fine è una raccolta di dettagli, ma sapere se ad un dato momento sceglierà il bene o il male.

Scritto con WordPress per Android

Annunci

Pilgrim

Uno dei miei film preferiti è Jeremiah Johnson, distribuito in Italia con il titolo assolutamente idiota Corvo Rosso non avrai il mio scalpo, che sicuramente faceva molto più western. Poichè questo non è un articolo informativo, non dico nulla di questo film perchè sono buoni tutti a copiare dall’IMdB o a fare una ricerca con Google e a spacciarsi per critici cinematografici e fini esegeti.

Se siete curiosi di sapere perchè è uno dei miei film preferiti se ne può parlare, ma dopo che l’avrete visto. Ovviamente dopo che l’avrete visto, oppure se l’avete già visto, saprete perchè è uno dei miei film preferiti e potremo raccontarci i brividi, i groppi in gola, i sospiri, le esaltazioni. Sicuramente avrete conosciuto molte cose di me senza saperlo.

I dettagli, tipo, che non somiglio a Robert Redford, che non ho lasciato la città metropolitana e tentacolare per una vita selvaggia, che non ho un passato travagliato alle mie spalle, che non ho un presente epico con cui intrattenervi, che non ho un futuro radioso per tantalizzarvi vi sembreranno importanti oppure no. Eppure mentre leggete non state capendo, ma non mi dovete capire; non serve a nulla capire le persone. Non sono strumenti o apparati che si devono capire, per studiarne il funzionamento, per smontarli o riassemblarli. Le persone si scelgono, si accettano, o viceversa si scartano.

(altro…)


Sole per me

Tornavo a casa in macchina, di sera. Mentre discendevo i tornanti verso la statale, impegnato nel bel mezzo di quello più infido, è comparso il sole che tramontava. L’ho visto per due o tre secondi, prima che scomparisse dietro le colline brulle e rocciose. Non tocca a me descrivere i colori e la bellezza di un tramonto, tocca a me essere toccato da questa bellezza e da questo evento che si ripete ogni giorno da quando sono nato. (altro…)


Note passeggere di un notabile passeggero che passeggiando notava

La mente può essere contorta e fumosa, può concedersi l’oscurità. A volte non capiamo e la mente si perde in meandri.
In questi casi lo spirito può aiutarla a sostenersi e a scegliere.

Lo spirito non può essere come la mente, deve essere trasparente, cristallino, per trasmettere la consapevolezza e la completezza di quello che proviamo. Così può aiutare la mente.

A volte lo spirito si addensa, si opacizza e trasmette riverberi e miraggi. In questi casi lo spirito non può aiutare la mente.

Niente può aiutare lo spirito, se non lo spirito stesso o gli spiriti altrui.

*****

Lo dicevo che al momento ho la mente labile, no? Quindi si prega indulgenza per lo scrittore, di mente vagabonda e spirito ben poco terso, quando si ferma per cinque minuti a sproloquiare.