il peggio che M2 potesse concepire

Articoli con tag “FM

22 Marzo 2015

 The Proclaimers – I’m on my way

I’m on my way from misery to happiness today
I’m on my way from misery to happiness today
I’m on my way to what I want from this world
And years from now you’ll make it to the next world
And everything that you receive up yonder
Is what you gave to me the day I wandered

I took a right, I took a right turning yesterday
I took a right, I took a right turning yesterday
I took the road that brought me to your home town
I took the bus to streets that I could walk down
I walked the streets to find the one I’d looked for
I climbed the stair that led me to your front door

And now that I don’t want for anything
I’d have Al Jolson sing “I’m sitting on top of the world”

I’ll do my best, I’ll do my best to do the best I can
I’ll do my best, I’ll do my best to do the best I can
To keep my feet from jumping from the ground dear
To keep my heart from jumping through my mouth dear
To keep the past, the past and not the present
To try and learn when you teach me a lesson

And now that I don’t want for anything
I’d have Al Joison sing “I’m sitting on top of the world”

I’m on my way from misery to happiness today
I’m on my way from misery to happiness today
I’m on my way to what I want from this world
And years from now you’ll make it to the next world
And everything that you receive up yonder
Is what you gave to me the day I wandered

I’m on my way to what I want from this world
And years from now you’ll make it to the next world
And everything that you receive up yonder
Is what you gave to me the day I wandered

I’m on my way (x6)

Annunci

La giusta direzione

In a world of fugitives, the person taking the opposite direction will appear to run away.

T.S. Eliot, The Family Reunion


22 marzo 2014

Un cubetto di legno è un continente da esplorare
una molletta della biancheria è una fiaba
una passeggiata è un’avventura
un’altro bambino è un amico
inventiamo parole buffe
ridiamo di tutto
ridiamo per niente.


22 marzo 2013

Il primo ricordo della mia vita, il più antico luogo della mia memoria è  forse il momento in cui ho preso coscienza di me stesso, il momento in cui ho ufficialmente cominciato a vivere in consapevolezza? (altro…)


.arco

Uno dei passaggi che mi hanno colpito maggiormente del capitolo sui figli de Il Profeta che ho pubblicato il 14 febbraio scorso è la metafora dell’arco, che a mio giudizio conclude non a caso il capitolo.

La caratteristica fondamentale dell’arco è appunto l’essere flessibile e la propensione, per manifestare appieno la propria natura, a piegarsi. In Inglese il senso è palese in quanto bow vale sia arco che piegare/piegarsi. Un genitore, se lo è, si piega e non c’è limite a ciò che farebbe per i suoi figli e le rinunce e i sacrifici avvengono for gladness, quindi nei molteplici significati di quel for, avvengono allo scopo / in nome / attraverso / grazie a / in direzione di quella gioia che definisce l’amore. I pochi amici e parenti che leggono questo blog sanno che, nella mia immensa fortuna, ho sperimentato la contentezza che può dare l’amore in una famiglia e che questo amore non è mai mancato, nè mai lo farà.

(altro…)