il peggio che M2 potesse concepire

Articoli con tag “blog

La mia estate

Questa estate, finora,  la sto vivendo giorno per giorno senza programmi preconfezionati preordinati precostituiti.

Pensavo inizialmente di partire, si fantasticava, di Skye, open sky, natura elementare elementale, distillerie. Ma non riesco a preconfezionare, preordinare, precostituire. Forse darò un colpo di coda a settembre. Altre mete dove soddisfare la mia sete? (altro…)


Ti lascio

Devo sfogarmi, in qualche modo, in qualche luogo, devo sfogarmi.

Credo di essere arrivato al capolinea: ho bisogno di un cambiamento, di dare un taglio netto ad una situazione stagnante e stantìa che mi sta logorando. Non posso più a vivere nel passato, rimanere fedele ad oltranza per anni e anni è stato giusto, ma adesso è del tutto inutile.

Una storia durata poco più di 5 anni, tra alti e bassi, con un unizio folgorante e un periodo decisamente buio, fino ad una ripresa che mi faceva sperare in una continuazione, seppure in modo diverso, essendo io un uomo diverso da quello degli inizi. (altro…)


L’aquilone

Settimana non buona. Rimandavo una cosa.
Allegro,  malinconico. Fischiettavo.
Bellissima foto speditami da BD. Un pò mi ha pesato.

Una gatta ha dato alla luce nel cortile di un palazzo vicino casa mia. I piccoli sono al sicuro sotto un albero di fico. Quando esco mi fermo a guardare ogni volta.

Venerdì mattina brutta notizia,  sconfortato.
Cercato quel libro,  letto qua e là, mi ha fatto stare peggio.
Non riesco a vedere il progetto.
La gatta allattava i quattro cuccioli.
Venerdì sera non esco. Propino scuse. Solitudine.
Voglio ascoltarmi.
Chiudo capitolo dell’ottimismo. Credevo fermamente cose sarebbero cambiate.
Leggo qualche blog. Parole sincere ed emozionanti che sento un pò mie. Vinco mutismo virtuale per ringraziare chi condivide.
Arriva sul cellulare SMS di amici lontani. Ringraziamenti per una cosa che ho fatto. Da qualche tempo giunge sempre una voce lontana a farmi leggero quando ne ho bisogno.

Sabato mattina.
Apro capitolo della convivenza con cose che non cambieranno.
Capitolo che dovrò far leggere,  se.
La prospettiva è triste, ma è così.
In ogni caso ho fede nella realizzazione del progetto.
Che io non lo veda non ha importanza.
Non riesco a soffrire più di tanto.
Gattini  appallottolati all’ombra dell’albero.

Sabato sera una pizza in compagnia.
Cito Elio perché ascolto l’Album Biango in macchina. 
Enlarge ior penis.
Purciase viagra.
Quattrocchi e due stanghette.
Base per altezza.
Uno lamenta il colesterolo alto. Una è a dieta. Siete degli eroi,  ma vi voglio bene lo stesso.

Domenica mattina.
Sveglio presto.
Sveglio stanco.
Vado a prendere fratello all’aeroporto.
Gattini non visti.  Gatta assente.
Guido.
Sole.
Respiro.
Ascolto musica.
Guardo.
Un aquilone sbuca tra le palme del viale, forse è impigliato.
No, lo pilota un bambino che gioca con suo papà.
Un aquilone vola, come un sogno legato al sognatore.
Un sogno vola, come un’aquilone legato ad un bambino.

Scritto con WordPress per Android


Buon compleanno!

Orbita Iperbolica oggi compie 5 anni. È il mio blog, parte di me.
Grazie a chi partecipa,  a chi si è soffermato, a chi è capitato qui per caso 🙂
La mia traiettoria continua,  verso l’infinito ed oltre.

Scritto con WordPress per Android


a causa delle misteriose regole della rete

qualcuno ieri è arrivato su questo blog dopo aver cercato su un motore di ricerca la seguente stringa:

twincest bacio al buio finita

Se questo non è un motivo per farmi ghignare, non saprei quale altro trovare. Grazie e continuate così.