il peggio che M2 potesse concepire

Fine settimana fer(i)ale

Senza neanche accorgemene sono entrato in ferie! Venerdì ancora combattevo con alcune questioni e la partenza per trascorrere il fine settimana fuori città è stata affrettata e organizzata non troppo impeccabilmente, come adesso spiegherò.

Il fine settimana appena trascorso era da tempo pianificato, ma la mia mente, o piuttosto memoria, labile mi ha giocato un brutto scherzo. Dovendo passare sabato e domenica presso un agriturismo dotato di piscina, i miei ultimi neuroni attivi durante la preparazione del bagaglio si erano concentrati sul corredo natatorio onde assicurare la presenza in valigia di tutto il necessario per le mie ronfate catatoniche a bordo piscina. Quindi costumi, teli di spugna, ciabatte, crema di protezione solare, crema doposole. Fin qui nulla di sorprendente. Completata la valigia col corredo di cui sopra, più il necessario complemento di abiti, accessori, etc. credevo di essere perfettamente equipaggiato alla bisogna. Mai fui più deluso.

Appena arrivati presso l’agriturismo in questione realizzai la spaventosa situazione in cui mi trovavo e a cui non avevo prestato la benché minima attenzione quando avevo preparato il bagaglio… non avevo portato i tappi per le orecchie.

Io non riesco a prendere sonno se ci sono rumori in camera e se condivido stanza o letto con una persona che russa passerò invariabilmente la notte in bianco. Il russare altrui mi è terribile, non sopporto la televisione accesa, non tollero neanche il ticchettio di un orologio da polso, che il silenzio notturno amplifica a decibel per me intollerabili. Notiamo a questo punto che ambedue i miei compagni di stanza del fine settimana russano. Insomma ero circondato, senza via di scampo, fregato.

Vale la pena precisare a questo punto che girano voci false e tendenziose secondo le quali anche io russerei. Non confermo nè smentisco, ma mi sento di poter affermare quanto segue: mentre dormo non mi sono mai sentito russare; se qualcuno nella stanza, o letto, russa io non dormirò e quindi non russerò.

Ad ogni modo, come volevasi dimostrare, non ho chiuso occhio, quindi le mie ronfate a bordo piscina sono state più catatoniche del consueto, ma almeno mi sono abbronzato un pochetto, passando dal color zombie livido al giallastro itterico. Ho mangiato parecchio, ma chi mi conosce non si sorpenderà. e mi sono rilassato e divertito. Segnalo uno stracotto di vitello al Cerasuolo di Vittoria. Unico momento un po’ così, quando gli altri sono andati alle stalle per far carezzare i cavalli dai bambini, perchè non avevo alcun bambino da portare e nemmeno, non dico una donna, ma neanche un cavallo che carezzasse me. Ma sono gli incerti dei fine settimana fer(i)ali.

Tutto sommato è stato un buon modo di cominciare le vacanze che solo adesso mi sembrano veramente cominciate e che non so come trascorrere.

Quest’ultima cosa non ho ancora capito se mi dispiace.

Annunci

3 Risposte

  1. Joril

    Si puo’ dedurre che in Giappone non hai mai dormito? 😀 O avevi una stanza singola?

    5 agosto 2013 alle 21:00

  2. Io ti consiglio direttamente la cera delle candele! Per le orecchie intendo! Che sa tanto di Acheo.

    9 agosto 2013 alle 21:00

  3. M2

    @Joril: non contempli la terza possibilità: avevo i miei fantastici tappi! 😀
    Che hanno funzionato alla grande, isolandomi dal possente pneuma di L. e dal condizionatore più rumoroso dell’arcipelago nipponico, qualcosa tra una panzerdision lanciata all’assalto nella steppa russa e il locale macchine della Yamato.

    @Sadako: Con la cera potrei bucarmi i timpani e risolvere il problema in modo radicale e definitivo… ci penserò! 😉

    12 agosto 2013 alle 11:12

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...